Un angolo di sapore nel cuore di Anacapri

L’avventura della famiglia D’Agostino, che nel suo ristorante L’Angolo del Gusto porta a tavola antichi sapori

Le avventure più emozionanti sono sempre quelle che ci pongono davanti a nuove sfide, che affrontiamo con determinazione e mossi da un’autentica passione. Sette anni fa la famiglia D’Agostino ha cominciato la propria, con l’apertura del ristorante l’Angolo del Gusto: un piccolo gioiello che risplende incastonato nelle vie dell’antico centro storico di Anacapri. L’impegno e la volontà di proporre prodotti genuini e rispettosi della tradizione sono stati fin da subito i pilastri dell’attività, e ancora oggi sono caratteristiche che contraddistinguono il lavoro de L’Angolo del Gusto. Abbiamo raccolto la testimonianza di Alessio D’Agostino, che, a nome del resto della famiglia, ci ha raccontato qualcosa di più di questo loro ispirante percorso.

Quando e come nasce L’Angolo del Gusto?

“Il nostro ristorante nasce il 3 giugno del 2014. Avevo chiesto a mio padre di aprire un’attività insieme a me, a mia madre e mia sorella; abbiamo trovato l’occasione qui, in piazzetta ad Anacapri, abbiamo avuto l’intuizione del nome ed è cominciata così la nostra attività nel settore della ristorazione”.

Quali tipologie di piatti proponete ai vostri clienti?

“Il nostro menù offre piatti tipici della cucina tradizionale partenopea: dalle polpette al sugo alla lasagna napoletana, fino a piatti mediterranei a base di frutti di mare, come gli Spaghetti vongole e limone. Due sono i nostri “cavalli di battaglia”: il Risotto alla pescatora e le Fettuccine al coniglio alla “Donna Amalia”, ricetta originale di mamma. Insomma, proponiamo ricette tradizionali, ma al contempo cerchiamo di portare a tavola anche un pizzico di innovazione”.

Tradizione e innovazione a tavola… Come riuscite a combinare questi due elementi apparentemente antitetici?

“La tradizione credo si manifesti in primis nella nostra volontà di acquistare sempre materia prima di alta qualità, trasformandola il meno possibile. Ad esempio, facciamo dei semplicissimi Spaghetti con pomodorini come vuole tradizione; in alcuni piatti rimaniamo dunque il più classici possibili, senza usare tanti ingredienti, ma portando così a tavola il gusto originale della cucina napoletana. In altri piatti invece si vede maggiormente l’innovazione e l’attenzione per le tendenze culinarie del momento: avviene ad esempio nelle nostre Tartare, o quando realizziamo abbinamenti esotici con mango e avocado, che richiamano anche la nuova cucina. In particolare, è sui piatti a base di pesce che cerchiamo di sperimentare di più, abbinandolo ad esempio alla frutta e producendo dei peculiari accostamenti di sapori”.

Forse l’ambientazione è proprio l’aspetto più peculiare della vostra attività. Ci racconti i suoi punti di forza?

“Il ristorante si trova all’interno del centro storico di Anacapri, in un edificio angolare; per questo abbiamo da subito pensato a chiamarlo “L’Angolo del Gusto”. L’atmosfera che si respira è un po’ come quella dei borghi antichi, e rispecchia la nostra volontà di mettere la tradizione al centro. Il locale è strutturato come una piccola trattoria, dunque non ha l’aspetto di un locale moderno, e anche l’edificio, seppur ristrutturato, conserva uno stile antico. Cerchiamo di creare un’ambientazione rilassante e famigliare, con luci soffuse, che regalano intimità soprattutto per una cena romantica. Infine ci sono due spazi esterni, uno sul fronte l’altro sul retro, il primo dei quali regala anche una bellissima vista sulla piazzetta di Anacapri”.

La vostra avventura nasce in famiglia, ma adesso chi lavora assieme a voi all’Angolo del Gusto?

“Attualmente siamo rimasti in attività io e i miei genitori, mentre mia sorella ha deciso di dedicarsi ad altro. Abbiamo poi un ragazzo che si occupa della sala e lo chef, ruolo ricoperto per sette anni da mio cognato, Sossio Battista, che ci ha aiutato ad avviare la cucina, mentre da quest’anno sarà Angelo Tizzano. A lui dobbiamo anche l’aggiunta di un piatto al nostro menù: gli spaghetti alla Merana, suo “cavallo di battaglia” in quanto originari proprio delle sue zone. Col tempo siamo cresciuti e puntiamo ad andare sempre meglio; io voglio ringraziare mio padre per i suoi insegnamenti, derivati da anni di esperienza come cameriere nei posti più importanti dell’isola, e mia madre che, con la sue ottime capacità culinarie, mi ha introdotto al mondo della ristorazione che regala sempre bellissime soddisfazioni”.

Menú

L’offerta culinaria de L’Angolo del Gusto si districa con sapienza tra la terra e il mare. Ricca è la selezione di piatti della cucina tradizionale partenopea: dalle polpette al sugo alla lasagna napoletana, fino ai piatti mediterranei a base di frutti di mare, come gli spaghetti vongole e limone.

Due i “cavalli di battaglia” del ristorante: per quanto riguarda la cucina di pesce, il risotto alla pescatora che porta a tavola i sapori e i profumi del mare; per ció che invece riguarda la carne, imperdibili le fettuccine al coniglio alla “Donna Amalia”, ricetta originale della signora di casa D’Agostino, che riporta alla memoria le sensazioni della buona cucina fatta in casa.

Un menú insomma che resta fedele alla tradizione, seppur con un pizzico di innovazione.

Lo chef

La cucina è affidata alle mani sapienti dello chef Angelo Tizzano. In particolare, a lui si deve il merito di aver portato in menú un altro prelibato piatto: gli spaghetti alla Nerano, dal nome della famosa localitá nel comune di Massa Lubrense da cui Angelo proviene.

Location

I clienti vengono accolti in una location tipicamente isolana: il locale, in Via Boffe 2 ad Anacapri, è situato in una suggestiva cornice che richiama quella dei borghi antichi. L’edificio é totalmente ristrutturato ma conserva la sua essenza originaria; anche lo stile, ispirato a quello di una piccola trattoria, rispecchia la volontà di rimanere fedeli alla tradizione. All’esterno presenti due spazi, uno sul fronte e l’altro sul retro, il primo dei quali regala la possibilità di consumare il proprio pasto godendo della vista sulla suggestiva piazzetta di Anacapri.

Seduti ai tavoli si respira un’atmosfera davvero unica, con luci soffuse che regalano la giusta intimità, sia a chi decide di regalarsi una cena romantica, sia a chi vuole conservare nel cuore l’indelebile ricordo di una splendida giornata trascorsa con i propri cari.

a cura di Stefano D’Alessandro

Il primo portale di Capri senza intermediazioni.

Guida per la tua vacanza a Capri, con itinerari e approfondimenti per il tuo soggiorno sull'Isola.