Capri non sta soltanto nel chiasso assordante della piazzetta, Capri sta nella magia dei suoi mille angoli nascosti.

Salotto del Mondo non vuole rappresentare un posto specifico dell’isola, il solo cuore pulsante.
Di certo in piazzetta ci passa la vita e l’anima, ma Capri non si può “ridurre” ad una piccola parentesi che sintetizza il vivere locale ed internazionale. Salotto del Mondo significa anche rappresentare la reale ed unica bellezza dell’isola più amata nel mondo che non è, appunto, soltanto il rumore delle persone o i luoghi votati alla mondanità.
I veri protagonisti della “capresità” sono la natura, la verginità, gli angoli più lontani e suggestivi nei quali i padroni sono il mare, la vegetazione, il cielo e la roccia, visti da punti di vista spettacolari e mai scontati. Provate a percorrere sentieri e stradine periferiche che si protraggono verso punti panoramici dell’isola… troverete una prospettiva sempre nuova dalla quale fissare nella vostra mente quelle immagini, o renderle per sempre con uno scatto fotografico mai uguale ad un altro. Ogni luce, ogni spazio rende sempre un’emozione differente che riporta alla magia dell’isola, che rende Capri vera.
All’alba o al tramonto, di giorno o di notte, con il bel tempo o con il vento e la pioggia… mille e ancora altri mille sono gli “scatti” tutti diversi per emozione che siedono in prima fila sul divano del Salotto del Mondo.
Sono tesoro di splendore anche molte antiche costruzioni che perdono la loro essenza artificiosa per sposarsi con la fisionomia dell’isola fino ad esserne possedute completamente, di cui la geniale e rispettosa Via Krupp è l’esempio principe su tutte. Quante dimore non urtano la naturale bellezza isolana? Dalla residenza imperiale di Tiberio a quelle più discrete che furono di poeti, scrittori e cineasti, nessuna oltraggia l’isola ma ne è parte integrante.
La stessa piazzetta, da “salotto del mondo” può diventare uno spazio vuoto nelle sere d’inverno, riempito soltanto di profonda suggestione. Ebbene, quella suggestione non è estranea al mosaico del salotto mondano, ma ne costituisce una grossa tessera: vive soltanto la sua differente stagione rappresentando una differente bellezza ed unicità (foto).
In inverno le strade semivuote, le spiagge deserte, il mare dominato dai gabbiani, le luci soffuse; a far chiasso solo il vento tra gli alberi e lo spruzzo di un’onda che si infrange sulla scogliera. Anche questo è Salotto del Mondo. Capri, in tutte le quattro stagioni dall’alba al tramonto, può mostrarsi così come natura l’ha fatta con i momenti ed i colori più belli, tornando a vivere nella sua più genuina e profonda essenza, quella di una Capri vera.

 

Leggi anche: Com’è nato il Salotto del mondo?

Follow Us FacebookInstagram

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.