Un menù tipico e una location da sogno: vivere un’esperienza a 360° di Capri da Paolino

La passione della famiglia De Martino porta ad offrire sempre nuovi servizi ai clienti, dal bar fino al gelato fatto in casa

Se c’è una cosa di cui la nostra isola non è certo povera, sono i luoghi suggestivi e pittoreschi che l’hanno resa celebre in tutto il mondo. Dalle bellezze naturali, come la splendida Grotta Azzurra o i famosi faraglioni di Capri, fino a luoghi ricchi di storia come Villa Jovis o la certosa di San Giacomo, passando per i suggestivi vicoli e piazzette di Capri. C’è chi ha saputo trasformare questa peculiarità di Capri in un punto di forza per la propria attività, valorizzando location da sogno per offrire ai turisti più di un semplice servizio, ma una vera e propria “esperienza”.

E’ questo il caso del ristorante da Paolino, attività storica di Capri gestita dalla famiglia De Martino con la stessa passione e genuinità fin dai suoi esordi: il “limoneto di Paolino” è infatti diventato nel tempo una delle icone dell’isola, quasi una tappa obbligata per chi è di passaggio a Capri.

Il rispetto per la tradizione si vede fin dal menù proposto. I piatti sono quelli originali della tradizione, cucinati fin dagli esordi dell’attività, quando ancora era una piccola taverna con pochi tavoli che affiancava l’attività del campo da bocce gestito da nonno Paolino.

Dai ravioli capresi al limone, i rigatoni con fiori di zucca, la  mozzarella al limone fino al coniglio alla Michelina, cucinato oggi solo su richiesta, con una ricetta metà della nonna e metà ischitana; arrivando poi alla celebre “bomba” di Paolino, un panzerotto fritto ripieno di mozzarella e prosciutto cotto. Per giungere, a fine pasto, al tradizionale limoncello, che anni fa veniva servito caldo, poi, per accontentare le preferenze dei turisti che lo richiedevano con ghiaccio, la tradizione è cambiata. E’ stato il ristorante da Paolino a proporlo da sempre, offrendolo agli avventori come digestivo a fine pasto.

Infine, molto ampio anche il capitolo dei dolci: i più richiesti sono sicuramente la delizia al limone, la torta caprese, la caprese al limone e le palline di cocco.

Le uniche occasioni in cui il menù si discosta dalla tradizione è nel pesce crudo, con materia prima sempre rigorosamente locale o proveniente dalla Sicilia, mai dall’estero, a cui vi si dedica totalmente uno chef, così come avviene per un reparto totalmente dedicato alla cucina senza glutine. Anche però laddove la cucina si discosti dalla tradizione caprese, rimane intatta l’esigenza di ricercare sempre prodotti di qualità.

Al ristorante da Paolino infatti il prodotto è scelto con una attenzione particolare alla sua genuinità; melanzane, peperoni, patate, sono solo alcuni degli ingredienti a km 0 utilizzati per preparare i loro gustosi piatti. E’ il caso ad esempio della tradizionale parmigiana di melanzane, o dei pomodori cuore di bue serviti con burrata o mozzarella di bufala.

Insomma, la famiglia De Martino fa parte di quelle famiglie che, col proprio lavoro, ancora oggi portano avanti la storia di Capri, e offrono ai turisti un’esperienza genuina, al di là di mode e stereotipi che finiscono per contaminare la tradizione.

E proprio attorno ad un’altra ricetta della tradizione, il totano con le patate, ruota  un divertente aneddoto che le nipoti di Paolino hanno voluto raccontarci. Loro nonno all’epoca andava a pesca di totano per venderlo, portandone ovviamente una parte a casa per cena; le sere però in cui tardava, per ingannare l’attesa, la famiglia iniziava col cucinare le patate, e solo quando il nonno era di ritorno veniva aggiunto il totano… ma la quantità di patate, alla fine, era sempre maggiore, perché i totani dovevano essere venduti!

Questo aneddoto in realtà ci restituisce lo spaccato di una Capri che se da un lato ci sembra lontana, in realtà ha echi molto attuali nella nostra società: ancora oggi la pesca è un’attività importante per gli isolani e, contrariamente alle aspettative che potremmo avere, molti di coloro che la praticano sono giovani. Anche per questo, dunque, è importante rispettare i piatti della tradizione: per non dimenticare mai le proprie radici.

A completamento di un menù così ricco non può che esserci una carta dei vini curata in maniera attenta, rispettando la grande varietà regionale che abbiamo in Italia. Negli anni il ristorante da Paolino ha saputo creare una nutrita cantina con circa 500 etichette, prevalentemente di vini rossi e con un’esposizione di vini bianchi; le regioni più rappresentate sono la Campania, la Toscana, l’Alto Adige e il Piemonte. Infine il bar, novità degli ultimi anni e recentemente ampliato, che ad oggi rappresenta un “biglietto da visita” per i clienti, i quali vi si intrattengono dopo la cena o, viceversa, fanno aperitivo e poi si recano in ristorante.

La passione per questo lavoro della famiglia De Martino negli anni diventa sempre più forte, tant’è che propongono sempre nuovi servizi per i propri clienti; e così da due anni producono in autonomia anche gelati e torte gelato. I gusti preferiti sono spagnola, cioccolato e, ovviamente… quelli a base di limone, dal sorbetto fino al “limone di paolino”, una crema al gusto di limone. Insomma, una tradizione che ritorna anche nelle novità, per continuare a offrire a turisti e residenti dell’isola il piacere dei sapori originali di Capri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.